La minaccia biologica alla Sicurezza Nazionale

Tenuto da due specialisti del settore, Massimo Amorosi (Consulente presso il Senato della Repubblica e membro del Centro Studi dell’Esercito) e Carlo Biffani (vedi il profilo tra i didatti di Emercrim) il corso si propone di analizzare la minaccia biologica sotto il profilo tecnico: dalle malattie emergenti alla epidemiologia delle malattie infettive.
Particolare attenzione è prestata ai virus emergenti come il SARS CoV-2, al consequence management (al contenimento delle emergenze epidemiche e alla gestione dei connessi interventi come il comunicare nelle crisi) nonché agli aspetti della prevenzione con specifico riferimento ai rischi peculiari della filiera agroalimentare e quindi all’agroterrorismo.
La seconda parte del corso è dedicata alla minaccia biologica dalla prospettiva di intelligence con ampio riferimento alle esperienze belliche del passato, al programma sovietico di guerra biologica e al tema multidisciplinare della prevenzione delle minacce biologiche.
La terza ed ultima parte si concentra sulle prospettive future della minaccia biologica tra i rischi e le opportunità della convergenza tecnologica tra biotecnologie, robotica e intelligenza artificiale; uno sguardo sulle nuove frontiere delle scienze biologiche e alla minaccia ecoterroristica.